Home » Blog » Bitfocus Companion: Stream Deck all’ennesima potenza

Bitfocus Companion: Stream Deck all’ennesima potenza

Bitfocus Companion layout

Bitfocus Companion è un software di controllo gratuito compatibile con un’infinità di software ed apparecchiature audio/video: switcher ATEM, mixer Yamaha, Allen&Heath, Behringer, telecamere Panasonic e PTZoptics, vMix, CasparCG e decine di altri, oltre a poter inviare e ricevere generici comandi HTTP, UDP, OSC, MQTT e persino ArtNet!

Può essere collegato ad un Elgato Stream Deck (https://www.elgato.com/it/stream-deck) per espanderne le funzionalità ma soprattutto genera una pagina web sulla porta 8888 con un emulatore utilizzabile da qualsiasi browser, tablet o smartphone.

Bitfocus Companion si scarica gratuitamente previa registrazione all’indirizzo https://bitfocus.io/companion una volta installato apriamo un browser all’indirizzo http://127.0.0.1:8888 per iniziare la configurazione.

Per prima cosa occorre aggiungere le istanze, ovvero gli apparecchi e i software che si intende controllare: si può cercarli per categoria, sviluppatore o semplicemente nel campo “Search”:

A questo punto spostandosi sul tab “Buttons” è possibile personalizzare i bottoni dello Stream Deck fisico o virtuale che sia: per alcuni prodotti (ad esempio ATEM o vMix) sono disponibili dei Preset, altrimenti con la funzione “Edit” è possibile procedere manualmente.

Oltre a nome del bottone, colori, eventuali loghi, occorre impostare le azioni da compiere quando premuto, che possono anche essere più di una realizzando delle macro.
Se il prodotto a cui ci si sta interfacciando lo supporta è possibile configurare anche un feedback (ad esempio illumina il bottone di rosso se la registrazione è attiva).

Le possibilità di controllo che apre questo software sono infinite: si pensi che ogni azione configurata oltre a poter essere cliccata con mouse o con un tap su tablet e smartphone può essere richiamata anche tramite comandi HTTP, UDP o OSC ad esempio http://127.0.0.1:8888/press/bank/1/18 lancerà il comando numero 18 del banco numero 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *